Utilizzo dei cookies
 

Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, accetti di utilizzare i cookies. Per proseguire conferma di aver preso visione di questo avviso cliccando sul tasto qui sotto.

 

Condividi

 

CAUSE dei TERREMOTI • VEDI ANCHE
| Il terremotoTeoria del rimbalzo | Ciclo sismico | Le scosse sismiche | Cause dei terremoti | Epicentro e ipocentro | Le onde sismiche | Il sismografo | Localizzazione epicentro | La magnitudo Richter | La stima della magnitudo | L'intensità Mercalli | Effetti del terremoto | Distribuzione dei terremoti | Energia del terremoto |

 

Epicentro ed ipocentro

La maggior parte dei sismi, e anche la più pericolosa, è di origine tettonica, cioè si formano lungo le faglie dei margini attivi delle placche a causa del loro reciproco spostamento.

In prossimità dei vulcani, il movimento di masse laviche sotterranee nell'imminenza di un'eruzione può produrre vibrazioni del terreno.

Una parte infinitesima dei sismi è dovuta a crollo di caverne, soprattutto nelle zone carsiche. Pur avendo ipocentro superficiale gli effetti sono limitati.

Pochissimi sono quelli provocati dalla caduta di frane o in genere, dallo spostamento di grandi masse rocciose. Si tratta di sismi di limitata estensione e intensità.

 

Condividi
comments
FacebookMySpaceTwitterDiggStumbleuponRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx
Pin It

Seguici sui Social


Gruppo

Pagina

Twitter

YouTube

Flipboard

Pinterest

Skype


I nostri Partner